Davide Imperato

27 marzo 2018

Share Button

Direttivo nuovo

Fidas Golosine è ora di rinnovarsi!

Anche per noi della FIDAS Golosine è importante fare delle nuove Votazioni ed eleggere persone che portino cambiamenti ed innovazione nell’associazione! Hai tempo fino a Lunedì 30 Aprile h 23:59.

La Fidas Verona è suddivisa in 78 Sezioni tra Verona e Provincia, ogni Sezione ha un direttivo composto da un minimo di 7 ad un massimo di 15 Consiglieri, abbiamo quindi bisogno anche di te per rinnovare il Direttivo della Fidas sezione di Golosine. Le candidature per il prossimo Direttivo sono aperte fino al 30 Aprile 2018. Verranno eletti un Presidente, un Vice, un Segretario, un Cassiere (in base al numero di voti ottenuti) e due Giovani.

Vota qui per il nuovo Direttivo!

E’ davvero semplice, clicca sul nome/sui nomi (max. 7 preferenze) che intendi candidare o inserisci il tuo nome se non presente in lista; ti verrà richiesto nome ed indirizzo email a conferma del voto.
Non dimenticare di confermare il tuo indirizzo email altrimenti il tuo voto non verrà validato! Controlla la casella SPAM.

Cosa si fa nel Direttivo

Niente di che! Solitamente circa una volta al mese, oppure quando ritiene opportuno, si organizza una piccola riunione di circa 1 o 2 ore per discutere, organizzare e promuovere la donazione del sangue con iniziative a livello locale o provinciale. Per una lettura più approfondita consigliamo la lettura dello statuto disponibile sul sito della Fidas Verona

Candidarsi, perchè?

Perché c’è bisogno di rinnovare il direttivo, trovare nuove iniziative o perfezionare quelle che ci sono per far crescere e alimentare nelle persone l’Amicizia, la Solidarietà e diffondere uno stile di vita sano e controllato.

Candidati!

Hai tempo fino a Domenica 30 Giugno h 23:59.

Fidas Verona è un’associazione Onlus iscritta al Registro regionale delle associazioni di volontariato con codice VR346; è anche iscritta al Registro provinciale. Le finalità e l’attività associativa sono indicate nello statuto e regolamento conformi alle disposizioni della Regione Veneto.

Share Button

Rispondi